.
Annunci online

alessandronapoli

Prove di non democrazia

TUTTO SCORRE 20/2/2012

Non ho sempre raggiunto gli obiettivi che mi ero prefissato, forse a volte ho mancato il senso. Ma ad ogni modo ho ritenuto importanti certe esperienze, quelle di Urbino in particolare; e quello che succede in queste ore nella città ducale mi lascia ancora di più perplesso, per il fatto in sé e per gli attori coinvolti. Continuando troverete un pensiero intimo, slegato dai fatti perché ci separano 800 Km circa, ma profondamente legato al passato trascorso nel movimentismo studentesco urbinate. Cose che quando capitano ti lasciano tanta amarezza e non posso scrollarmi da dosso quelle esperienze; negherei a me stesso il dispiacere per ambienti che comunque sento miei, per vicende che non avrei tollerato se fossi stato presente.

continua >>

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Università Urbino C1 Pantarei lotte diritti

permalink | inviato da sandronapoli79 il 20/2/2012 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

La Costituzione non si applica ai disabili?

diversità 3/12/2010

Sulla Repubblica di oggi, un resoconto di Laura Mari e Giovanna Vitale, dal titolo “"La Costituzione non si applica ai disabili" bufera sulle dispense del Comune di Roma.” Ha aperto uno squarcio finalmente verso la considerazione delle disabilità, scoprendo gli altarini culturali di certa politica e di certi ambienti di formazione.

continua >>

messo a dura prova

TUTTO SCORRE 24/6/2010

Questi ultimi giorni sono stati un vero delirio... tra le prove dello spettacolo e la rappresentazione alla Sala del Maniscalco abbiamo toccato veramente i nervi scoperti di questa storia. Oltretutto come se non bastasse, ci si mette anche la burocrazia, quando quella nazionale, quando quella esterofila, a bloccare i migliori intenti. Quest'esperienza però a seriamente compromesso la visione di alcune questioni di alcune persone, che forse non hanno ben messo a fuoco quella che è la relazione associativa. Non nego che tensioni in ogni organizzazione, e in Pantarei in specifico modo, sono sempre all'ordine del giorno, però si è toccato veramente il ridicolo in più di una situazione. Spesso si predica l'ascolto e la tranquillità, ma poi fervono gli animi e si getta scompiglio nella comunicazione interpersonale. Ne verremo fuori? Spero di sì, spero che tutto vada bene, mi auguro di cuore che questo viaggio a Liecester possa essere il viadico anche di chiarimenti, anche se molto è commpromesso.

continua >>

Con Pantarei Passi da giganti

TUTTO SCORRE 24/5/2010

Ed effettivamente c'è da dire che Pantarei Urbino ha preso molto tempo negli ultimi giorni... anche sul sito di Pantarei potrete vedere molte novità e attività in corso, più che altro frutto della santa pazienza di Sonia che mi tollera nelle fasi di elaborazione. Il gruppo ha fatto veramente passi da gigante, come anche l'associazione stessa. In programma, dopo che abbiamo tenuto con Sonia, il corso di Braille e Malossi, anche delle feste, un concerto, il corso ai centocinquntoristi, l'assemblea del coordinamento regionale e lo spettacolo con Aenigma, prima ad Urbino (dal 19 al 22) e poi a Liecester. Anche per il futuro stesso di Pantarei ci sono grandi fermenti, ma di questo parleremo poi. Un grosso saluto a tutti, Pantareine e Pantareini in primis.

continua >>

Periodo molto intenso...

TUTTO SCORRE 27/4/2010

Effettivamente questa rubrica si chiama tutto scorre... Mai come in questo periodo il tempo è fluido, intenso. Il merito è chiaramente di Pantarei, che ha saputo mobilitare un gruppo, quello di cui sono parte assieme a Sonia. Le emozioni più intense si sono avute oggi con il corso di Braille, ma sicuramente l'esperienza più coinvolgente è il teatro, che ha provocato anche emozioni forti. Con Sonia però si sta verificando, da momenti critici, quella maturazione di coppia, che per alcuni tratti caratteriali ci mancava. Nei vari passaggi positivi c'è stata poi la presa di consapevolezza di entrambi che Urbino non sarà meta definitiva del nostro essere insieme. I progetti sono tanti, ma forse non è il tempo ancora di riflettere, il "pensare indicativo presente" è un concetto abbastanza permeato nelle nostre vite. Chiaramente, in maniera indiretta ma egualmente intensa (e vissuta con sincerità da noi), c'è anche questa bella esperienza di Mauro, e speriamo che ce la faccia... abbiamo bisogno di cambiamento anche nella politica di rappresentanza universitaria... e chi vuol intendere intenda... Insomma, un periodo molto vivo, che ci fa sentire molto attivi... Ma il corso di Braille è veramente il coronamento di una serie di esperienze umane personali e di coppia con Sonia. Eravamo in sintonia, non quella simbiosi sterile, bensì il completamento didattico, umano, metodologico (passatemelo) per quest'esperienza di puro dare. Grazie anticipatamente a coloro che sopporteranno anche qualche battibecco!!! ONE LOVE!

continua >>

Teatro e dimensione interiore

TUTTO SCORRE 7/2/2010

Il corso teatrale in collaborazione con il Teatro Aenigma è iniziato già da alcune settimane, anche se per causa ghiaccio e neve sono solo due gli incontri che si sono effettivamente svolti. Anche in Pantarei le cose vanno discretamente, e dietro un'apparente sonnolenza si nasconde una vitalità estrema, con i tracciati della nostra lumachina che lentamente, ma a passo deciso, si dirigono in varie direzioni. Ovviamente avrò modo di aggiornarvi sui tentativi che stiamo portando avanti per le innovazioni tecnologiche ad Urbino, la difesa dei diritti e dei servizi, i tentativi di proporre e creare cultura e ppensiero. Ma quello che nelle ultime settimane mi ha veramente coinvolto, e ancora di più negli ultimi giorni, è stato questo tentativo di Vito Minoia di proporci un lavoro interessante di introspezione, che è utile per il teatro e ciò che ne scaturirà, ma soprattutto, credo, a livello personale. Dopo sensazioni coinvolgenti attraverso metodiche di rilassamento, siamo passati all'immedesimazione di un personaggio tratto da un'opera di cultura, e da lì è in atto un tentattivo di staccarlo dalla volontà dell'autore. Non è un segreto infatti che il pozzo senza fondo di quest'anno è "sei personaggi in cerca d'autore" di Pirandello. A me che doveva venire in mente: il cieco riproposto da Pacino in "Profumo di donna", ma ancor più quello di Vittorio Gasman nell'omonimo e precedente film italiano. Be', così su due piedi mi viene da dire che per un cieco non è facile imitare e immedesimarsi nella rappresentazione di un cieco, visto che poi gli esempi sono di livello superiore. Ma ciò che ne è venuto fuori è una figura affascinante. Nell'eterna contraddizione del paese chiamato Italia, esistono due categorie di ciechi: coloro che hanno avuto la disgrazia di incappare casualmente nella maglia nera del grande velo, e coloro che ci sono capitati per mezzi militari. Ebbene, i ciechi di guerra di oggi in Italia molto spesso non sanno nemmeno lontanamente cos'è una fondina, una spoletta o una mimetica, figuriamoci una guerra. Per caso ti capita di incrociare il tuo destino con un ordigno residuato bellico, la disgrazia che ci mette una mano e ti ritrovi accumunato a tanti altri. Solo che non è il dolore o la menomazione al centro di una certa critica, bensì l'atteggiamento che lo Stato italiano pone in essere di fronte a questi ultimi. Migliaia di euro di pensione mensile, accompagnatori sempre pronti (come nel film di Gasman) e molti altri pprivilegi, che non ledono l'oscurità, ma allievano molto di più alcune altre ferite. Ebbene, se le vicende dell'ex soldato impersonato da Gasman fossero invece occorse ad un artista (un ittore), solo, isolato dal mondo nel suo mondo agreste, che si ritrova con un fardello pesante, non poter più vivere di suo (campagna e pittura) e appoggiarsi al sostegno offerto dallo Stato assistenzialista e ppietista? Gli restano poche consolazioni, come godere ancora del suo ambiente, la capacità e la praticità di vivere il quotidiano e saper dipinger ancora un soggetto, l'ultimo a cui stava lavorando la mattina della disgrazia: un sole avviato allo zenith in un mattino estivo con sullo sfondo il mare. Possono venire cose molto interessanti da questo personaggio bizzarro e chi incappa sul suo cammino, l'atteggiamento burbero del protagonista è simile a quello degli ex soldati di Gasman e Pacino, anche se frutto di diversi percorsi di vita, ma anche un malcelato protagonismo, tipico di molti di noialtri. E' iniziato un viaggio introspettivo nella propria condizione, i tentativi di rinnegarla e l'accettazione di sè come presupposto di quella dell'altro da sè. Il resto ai prossimi laboratori!

continua >>

E' quante cose possono succedere in una settimana...

diario 4/12/2009

Praticamente è da quasi una settimana che non scrivo sul blog. In effetti ogni tanto lo aprivo, ma poi o svaniva l'ispirazione, opppure c'era la nostra beneamata fretta che non mi lasciava la giusta sintonia per scrivere. Vi sarete accorti anche dell'assenza di suggerimenti provenienti dai quotidiani, e non perchè non fossero ricchi di contenuti, bensì c'è stato proprio un black out tra me e la continuità. Ma gli spunti di riflessione non sono mancati. Procediamo per ordine. Lunedì io e Sonia abbiamo partecipato al seminario organizzato dalla Prof. Tonelli sulla cultura e comuniczione politica, dove era ospite e relatore Gianni Cuperlo (www.giannicuperlo.ilcannocchiale.it). Oltre a presentare il suo ultimo lavoro, "basta zercar", ha tenuto una lezione sul suo precedente "Par condicio", dove ha analizzato a grandi linee quella che è divenuta la comunicazione politica negli ultimi tempi, e potremmo semplicisticamente riassumere così: la politica è la comunicazione di se stessa, senza non esisterebbe. Be', un bel passo in dietro, visto che poi si veicola il presuposto culturale che è alla base del policy making e dunque vi lascio intendere che bei tempi... comunque aggiungo nei link anche il suo blog, che mi sembra molto interessante. Poi si è organizzata la tanto attesa assemblea di Pantarei Urbino per oggi, al teatro La vela per le 17, anche se ci sono state forse un po' di difficoltà nella comprpensione per alcune cose... comunque l'importante è che si riparta, pperchè le persone hanno voglia e i margini di maturazione di noi e dell'organizzazione ci sono e sono ampi. Ieri poi (giovedì), visto che la mia ex facoltà è diventata seria da questo punto di vista (merito di Cangiotti?) siamo stati a vedere un seminario a conclusione di un corso organizzato da Diamanti, dove c'erano lui a coordinare gli interventi, Massimo Gianni di Repubblica, Andrea Montinari del Tg1 e bene bene.... Nando Pagnoncelli: ci mancava solo Floris e sembrava una riproposizione mattutina di Ballarò... Scherzi a parte, il tema era la comunicazione politica del Presidente della Repubblica, e ne sono uscite cose molto interessanti, sulle quali poi dedicherò un intervento specifico. Solo però, visto che si tratta della rubrica Diario, devo annotare come sono sfigato: prima non si facva nulla e quel ppoco era del settore giuridico, intendo quand'ero studente; ora che ho cambiato facoltà, perchè il dottorato è sotto sociologia, la facoltà di Scienze Politiche è attivisssima; per concludere, anche Diamanti è passato da una facoltà ad un'altra e il vecchio preside mi costrinse a fare l'esame in erasmus... insomma, ci sono gli estremi per Lourdes...!!!! In conclusione il mal di denti... Ragazzi, io non lo so... Faccio il vaccino e mi viene il raffreddore che mi porto ancora dietro. Mal di schiena non ne parliamo. Torcicollo quanti ne volete, e ieri sera, come se non bastasse, preceduto da un dolore al ginocchio sinistro, mi è venuto un malessere nel molare destro superiore.... Se per gli studi devo andare a Lourdes, per la salute???

continua >>

Oggi gran da fare a Gadana, stasera apppuntamento di Pantarei al Magistero

TUTTO SCORRE 17/11/2009

A gadana, nonostante i malesseri di un raffreddore in corso, ci siamo mobilitati per Pantarei e da circa 3 ore la casa profuma di dolci. Sonia si è messa di gran lena a combinare impasti e miscelare aromi, e i risultati vi garantisco fanno aprire lo stomaco. Infatti, assieme ad varie leccornie preparate da altri associati, le ciambelle faranno parte dell'angolo ristoro di Pantarei che stasera sarà presente nella II edizione della Notte Anomala al Magistero dalle ore 20.30. Speriamo che stasera arrivi presto, oltre che per tutto il resto anche per assagiare queste meraviglie della dolciaria della casa gadanese! Il programma prevede, in maniera molto sintetica: presentazione dell'associazione, interventi di Eralda Lamce e Vito Minoia, Proiezione video delle esperienze di laboratorio teatrale di Pantarei, performances dal vivo di Eralda e Francesco Caruso, e forse (se non ci schianta la febbre) mia e di Sonia!, presentazione in prima proiezione pubblica del video di Maria Celeste Taliani "La parola restituita" e l'intervento di chi ha partecipato a quell'esperienza teatrale, mostra di vignette a tema disabilità e diversità, un dibattito molto autogestito nel mentre e il suddetto angolo ristoro e tesseramento. NON MANCATE!!! Amore, Grazie di tutto, in primis del confronto!

continua >>

oggi primo incontro con Pantarei dopo molto tempo...

TUTTO SCORRE 13/11/2009

Oggi, dopo molto tempo in passività o assehnza, io e Sonia abbiamo partecipato ad un incontro organizzativo di Pantarei. La discussione su come impostare la Notte anomala di martedì 17 novembre ci ha dato la possibilità, oltre che confrontare le idee e costituire un programma ed una scaletta, quello di riprendere un'attività molto difficile e rara: il confronto tra le soggettività e le suscettibilità reciproche. Non li definisco scontri di posizione, perchè parafrasando un detto popolare, la campana non suona mai solo da un lato, dunque possiamo dire che ognuno ha lasciato qualcosa per raggiungere uno stato di armonia, anche se questo ha comportato uno scontro verbale oppure una posizione divergente. Chiariti i malintesi, messe da parte le soggettività, il bene di Noi e di Pantarei ha prevalso ed è uscito un bel programma che presenteremo di concerto con il teatro Aenigma, e presto un post dedicato su Tutto Scorre. Alla fine credo che in effetti la cultura rientra in una definizione molto ampia e comprende tante forme, dunque anche quelle che a me sembrano banali, in effetti nascondono il dono di avvicinare le persone alla partecipazione attiva del proprio divenire.

continua >>

Pantarei... comunicazione in evoluzione...

TUTTO SCORRE 10/11/2009

Oggi ci siamo visti con Eralda, e già io e Sonia siamo da alcune ore sul pc per aggiornare e creare mezzi di comunicazione di Pantarei. Facebook è pronto, abbiamo già delle foto da inserire, e ha iniziato a dare il suo contributo. La stessa cosa per MSN, con profilo già pronto e prime comunicazioni partite sulle chats. la mail l'abbiamo recuperata, ma il blog è quello che ci ha dato un po' di problemi. Alla fine si è risolto, anche se mancano i contenuti, che vi esorto a fornire o aggiungere... Speriamo bene nell'intervento di Cristiano!!! Soprattutto per la risoluzione dei problemi così come si verificano spesso, ossia insormontabili per noi comuni mortali! Insomma, meglio non poteva ricominciare quest'avventura di noi con Pantarei... e curare il rinnovamento nella comunicazione è veramente un momento di estrema gioia, perchè in qualche modo ci stiamo rendendo utili per il rilancio dell'associazione (come ad ogni inizio anno), ma cercando con le esperienze accumulate altrove di dare un nuovo slancio, si speri efficace e duraturo.

continua >>
Blog letto1 volte

Categorie
tags
diritti repubblica articolo pantarei diversità disabilità lavoro cultura politica immigrazione
Link
questo blog è utile innanzitutto a me stesso, per comprendere e capire, se possibile anche comunicare. Lasciate i vostri commenti e le vostre impressioni sui contenuti! La mia è una storia tra tante, le mie sono idee e impressioni del mondo come tante. "L'Io non può vivere senza il Tu"